chiamaci video wine shop richiedi prenota
è stato aggiunto al carrello.

La Befana vien di notte… ma il nome da dove viene?

By 27 Dicembre 2019News dai Poderi

Tutti conosciamo la Befana, la simpatica vecchietta che a cavallo di una scopa volante riempie le calze dei bimbi buoni e anche di quelli più birbi, tra la notte del 5 e 6 Gennaio. A volte associata alla figura di una strega, in realtà è solo una schiva vecchietta un po’ trasandata nell’aspetto che porta dolciumi e regalini ai bambini più diligenti, e aglio e carbone ai più monelli.
La Befana à una figura prettamente del folclore italiano, poco conosciuta all’ estero.

Ma perché si chiama Befana?
Il nome deriva dalla “storpiatura” della parola di origine greca Epifania, la festa cattolica che si celebra il 6 Gennaio, esattamente 12 giorni dopo il Natale, che ricorda la visita dei Re Magi a Gesù Bambino.
Già nell’ antichità la figura della Befana era legata a riti pagani per la celebrazione nella natura invernale, rappresentata da una donna anziana che volava sopra i campi e i terreni per donare nuova fertilità alla terra in segno propiziatorio per il nuovo anno.
Anche la scopa volante della Befana è un antico simbolo, che rappresenta la “ripulitura” dopo il periodo invernale, per far spazio alla imminente rinascita stagionale della natura.

L’ Epifania tutte le feste porta via… ma con tanti eventi e festeggiamenti!
Il 6 Gennaio rappresenta per tutti la fine delle festività natalizie iniziate a fine Dicembre.
In molte piazze d’ Italia è facile trovare eventi anche benefici legati alla figura della Befana. Ad esempio in Piazza del Campo a Siena, i vigili del fuoco di Siena organizzano il classico evento “Befana in Piazza” dove i bimbi potranno incontrare la timida nonnina e i grandi potranno acquistare il loro calendario 2020, il cui ricavato sarà devoluto in beneficienza al Centro Immunoterapia oncologica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Siena.
Prenotando quindi un soggiorno nel nostro Agriturismo a San Gimignano con la nostra offerta Epifania in mezza pensione, potrete non solo visitare i borghi medievali toscani di San Gimignano e Certaldo, ma anche magari fare un salto a Siena e avere l’occasione di fare del bene….

indietro | back
BACK TOP